Cosa si intende per consegna di capitale, futures e opzioni? Come principiante in quale dovrei iniziare a investire?

Il trading delle consegne significa detenere la quota per almeno un giorno. Se vendi un titolo lo stesso giorno, viene negoziato intraday.

Il futuro in un linguaggio molto semplice è un contratto per acquistare o vendere qualcosa in una data futura specificata. Puoi ottenere contratti futuri su qualsiasi cosa da azioni, indici (Sensex, nifty, bank nifty ecc.), Materie prime, valuta qualunque ti senti interessato e in grado di prevedere i movimenti futuri.

Nelle opzioni, è possibile acquistare qualcosa a un prezzo di esercizio che si chiama “call” e allo stesso modo vendere qualcosa al prezzo di esercizio che si chiama “put”

Entrambe sono misure piuttosto complesse e richiederebbero un’analisi approfondita da parte tua prima di entrare in qualcosa. Se sei un principiante assoluto con investimenti, ti suggerirei di iniziare con fondi comuni o di effettuare un SIP. Se vuoi entrare nel patrimonio netto, investi in alcuni buoni titoli ma crea un portafoglio bilanciato. I futuri e le opzioni dovrebbero essere avviati quando sei un professionista.

Le opzioni e le opzioni rappresentano due delle forme più comuni di “derivati”. I derivati ​​sono strumenti finanziari che derivano il loro valore da un “sottostante”. Il sottostante può essere un titolo emesso da una società, una valuta, oro, ecc. Lo strumento derivato può essere negoziato indipendentemente dall’attività sottostante.

Il valore dello strumento derivato cambia in base alle variazioni del valore del sottostante.

I derivati ​​sono di due tipi: negoziati in borsa e over the counter.

I derivati ​​negoziati in borsa, come indica il nome, sono negoziati attraverso scambi organizzati in tutto il mondo. Questi strumenti possono essere acquistati e venduti attraverso questi mercati, proprio come il mercato azionario. Alcuni strumenti derivati ​​negoziati in borsa sono futures e opzioni.

I derivati ​​over the counter (popolarmente conosciuti come OTC) non sono negoziati attraverso le borse. Non sono standardizzati e presentano funzionalità diverse. Alcuni dei più diffusi strumenti OTC sono forward, swap, swaption ecc.

Futures

Un “futuro” è un contratto per l’acquisto o la vendita dell’attività sottostante a un prezzo specifico in un momento prestabilito. Se acquisti un contratto futures, significa che prometti di pagare il prezzo dell’attività in un determinato momento. Se vendi un futuro, fai effettivamente una promessa di trasferire l’attività al compratore del futuro a un prezzo specificato in un determinato momento. Ogni contratto a termine ha le seguenti caratteristiche:

  • Acquirente
  • Venditore
  • Prezzo
  • Scadenza

Alcune delle attività più popolari su cui sono disponibili contratti futures sono azioni, indici, materie prime e valuta.

La differenza tra il prezzo dell’attività sottostante nel mercato spot e il mercato dei futures si chiama “Base”. (Poiché il “mercato spot” è un mercato per la consegna immediata) La base è generalmente negativa, il che significa che il prezzo dell’attività nel mercato a termine è superiore al prezzo nel mercato spot. Ciò è dovuto al costo degli interessi, al costo di stoccaggio, al premio assicurativo ecc. Cioè, se acquisti l’attività nel mercato spot, dovrai sostenere tutte queste spese, che non sono necessarie se acquisti un contratto a termine. Questa condizione di base negativa è chiamata “Contango”.

A volte è più redditizio detenere l’attività in forma fisica che in forma di futures. Ad esempio: se detieni azioni nel tuo conto riceverai dividendi, mentre se detieni futures su azioni non avrai diritto a nessun dividendo.

Quando questi benefici oscurano le spese associate alla detenzione dell’attività, la base diventa positiva (vale a dire, il prezzo dell’attività nel mercato spot è più che nel mercato dei futures). Questa condizione si chiama “Backwardation”. Il backwardation generalmente si verifica se si prevede che il prezzo dell’attività diminuirà.

È comune che, man mano che il contratto a termine si avvicina alla scadenza, il prezzo a termine e il prezzo a pronti tendono a colmare il divario tra loro, cioè la base lentamente diventa zero.

Opzioni

I contratti di opzione sono strumenti che danno al possessore dello strumento il diritto di acquistare o vendere l’attività sottostante a un prezzo predeterminato. Un’opzione può essere un’opzione ‘call’ o un’opzione ‘put’.

Un’opzione call offre all’acquirente il diritto di acquistare l’attività a un determinato prezzo. Questo “prezzo dato” è chiamato “prezzo d’esercizio”. Va notato che mentre il detentore dell’opzione call ha il diritto di richiedere la vendita di attività dal venditore, il venditore ha solo l’obbligo e non il diritto. Ad esempio: se l’acquirente desidera acquistare l’attività, il venditore deve venderla. Non ha un diritto.

Allo stesso modo un’opzione “put” dà all’acquirente il diritto di vendere l’attività al “prezzo di esercizio” per l’acquirente. Qui l’acquirente ha il diritto di vendere e il venditore ha l’obbligo di acquistare.

Pertanto, in qualsiasi contratto di opzione, il diritto di esercitare l’opzione è di competenza dell’acquirente del contratto. Il venditore del contratto ha solo l’obbligo e nessun diritto. Poiché il venditore del contratto ha l’obbligo, gli viene pagato un prezzo chiamato “premium”. Pertanto, il prezzo pagato per l’acquisto di un contratto di opzione viene chiamato come premio.

L’acquirente di un’opzione call non eserciterà la sua opzione (di acquisto) se, alla scadenza, il prezzo dell’attività nel mercato spot è inferiore al prezzo d’esercizio della chiamata. Ad esempio: A ha acquistato una chiamata al prezzo di esercizio di Rs 500. Alla scadenza, il prezzo dell’attività è di Rs 450. A non eserciterà la sua chiamata. Perché può acquistare la stessa risorsa dal mercato a Rs 450, invece di pagare Rs 500 al venditore dell’opzione.

L’acquirente di un’opzione put non eserciterà la sua opzione (di vendita) se, alla scadenza, il prezzo dell’attività nel mercato spot è superiore al prezzo d’esercizio della chiamata. Ad esempio: B ha acquistato una put a un prezzo di esercizio di Rs 600. Alla scadenza, il prezzo dell’attività è di Rs 619. A non eserciterà la sua opzione put. Perché può vendere la stessa attività sul mercato a Rs 619, piuttosto che darla al venditore dell’opzione put per Rs 600.

FONTE:-BUSINESS ROSSO

More Interesting

Quale valore aggiungono i professionisti del private equity?

Come avviare una società di private equity? In cosa differisce dall'apertura di un hedge fund

Come principiante, dovrei optare per servizi bancari come HDFC Securities / ICICI Direct o piattaforme di trading come Zerodha Pi / TradeTiger per il trading online?

È possibile convertire azioni con DVR in azioni ordinarie o normali?

Come imparo il trading azionario?

In che modo la tendenza di società come Uber a rimanere private influisce sulla popolarità del trading azionario?

Quando il mercato azionario si apre e si muove in una direzione senza mai arretrare e offrire un accesso, come prendi parte alla tendenza?

La regola d'oro: qual è un importo ragionevole di capitale proprio per il 3o-9o impiegato in una start-up finanziata con seed?

Come dovrei dividere il capitale proprio in questa situazione? (Leggi i dettagli)

Qual è il modo migliore per chiedere la mia equità in una startup?

Quanta equità dovrei chiedere in una startup in cui ho lavorato a contratto per 6+ mesi?

Equità: quando ha senso avere una scogliera inferiore a 1 anno per le azioni del fondatore?

Quanta equità è ragionevole per un investitore "sweat equity" in una startup?

Qual è la percentuale minima di patrimonio netto che un gruppo di investitori dovrebbe avere in una startup per avere il diritto di nominare un membro del consiglio?

Se le azioni estere e domestiche sono ugualmente interessanti, l'investitore medio americano dovrebbe sovrappesare le azioni statunitensi, dato che le loro spese future saranno in dollari USA?